Indirizzo email:
 
PSICOMIC
Pagina Facebook
Chi è e Cosa fa
Chi è e Cosa fa
Perchè Consultarlo
Chi è e Cosa fa
Chi è e Cosa fa
La nostra idea
Cos'è Psicologo@mico
A chi è rivolto
Obiettivi
Consulenze e Formazione
I Maestri
Princípi Sistemici
Aree di intervento
Consulenza psicologica
Psicoterapia individuale
Psicoterapia di coppia
Psicoterapia familiare
Domande e Risposte
La riflessività
La curiosità terapeutica
Socio-costruzionismo
Implicazioni terapeutiche
Il processo terapeutico
Epistemologia Sistemica
Teoria e Pratica
Articoli
 
 
 
News from psicologo@mico
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86
 Ragazzi meno depressi se vanno a letto prima

Gli adolescenti che vengono mandati a letto prima dai genitori sono molto meno soggetti a depressione e a pensieri negativi collegati al suicidio. Lo afferma uno studio pubblicato sul numero di gennaio della rivista scientifica ’Sleep’ e riportato dalla Bbc. 


 Il fumo uccide, questo si sa: ma soprattutto rende brutti

NEW YORK - Si legge: "Il fumo uccide"; oppure, "Tenete lontani i bambini dalle sigarette"; o ancora, "Il fumo provoca il tumore". Sono solo alcuni dei messaggi 'minatori' che appaiono sui pacchetti di 'bionde', ormai da molti anni anche in Italia. Una campagna permanente contro il vizio più diffuso al mondo, con l'obiettivo di dissuadere i tabagisti dalla loro brutta abitudine, citando ogni tipo di effetto negativo.


 Mania da pulizia. Un "disturbo" che colpisce una donna su quattro

La rupofobia è classificata tra le fobie e nasconde altri problemi. Complici probabilmente le pubblicità che mostrano case lustre, linde e immacolate e propongono come indispensabili i prodotti per rendere anche la propria a loro immagine e somiglianza. Oppure quelle che insinuano nella mente che ci sono germi dappertutto da cui bisogna assolutamente difendersi…


 Australia: TV bandita fino ai due anni. Cosa ne pensano i pediatri?

L'Australia ha scelto di proteggere i bambini di età inferiore ai 24 mesi dai rischi della televisione. Con una decisione per qualcuno discutibile, prima al mondo, ha deciso di vietarla a causa dei danni che procura ai piccoli. Con il supporto degli esperti del Royal Children Hospital di Melbourne sono state stilate linee guida riguardanti l'utilizzo della tv per i piccoli utenti.


 Buon Natale

Lo staff di Psicologo@mico augura a tutti i visitatori un felice Natale e uno splendido 2010 ricco di pace e serenità!


 Disturbi alimentari: ne soffre una donna su dieci

Le donne sono più sensibili ai messaggi sul cibo e le diete che arrivano da Tv, riviste e anche da amici e parenti e che, spesso, sono contradditori. Da un lato sono incitate a perdere peso per ogni occasione; che sia per la prova bikini, che sia per le feste natalizie o per il prossimo matrimonio… o anche solo per sentirsi più attraenti. Per converso, poi, ci sono i messaggi che invece invitano a godere delle gioie del cibo… insomma, un bel pasticcio. 


 Internet e televisione «padroni» degli adolescenti italiani

Saranno presentati venerdì 18 dicembre a Pisa – nell’ambito del Convegno «La Società degli adolescenti», i risultati dell’ edizione 2009 dell’indagine su «Abitudini e Stili di vita degli adolescenti», che la Società italiana di Pediatria realizza annualmente dal 1997. L’indagine – che ha il Patrocinio del Ministero della Gioventù - viene svolta annualmente dal 1997 su un campione nazionale di 1300 studenti delle scuole medie inferiori di età compresa tra gli 12 e i 14 anni. Queste le prime anticipazioni.



 Ricordi traumatici: si possono rimuovere entro 6 ore?

Cancellare il ricordo di un evento traumatico “riscrivendo” la memoria con un ricordo piacevole o neutro sembra essere possibile, tuttavia è necessario agire entro poche ore dall’evento. Questo è quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista Nature.


 Allarme degli psicologi: con l'iPhone gli utenti sono a rischio "Sindrome di Stoccolma"

Quante volte, passeggiando per strada, vi è capitato di osservare il comportamento delle persone che vi circondano. Se non lo avete ancora fatto, perché troppo presi dai vostri pensieri, provateci, noterete che la maggior parte dei passanti si muove tra la folla pur essendo mentalmente isolato da tutto e tutti. L’unica cosa che desta la loro attenzione è lo squillo o la vibrazione del proprio amato telefono, che segnala l’arrivo dell’ennesimo messaggino a cui rispondere immediatamente. Un problema concreto, spesso sottovalutato, che colpisce in maniera diversa, e forse ancor più inquietante, gli utenti proprietari di un terminale Apple iPhone.


 Mobbing e lavoro: sapere cos’è per affrontarlo

Mobbizzato sarà lei! In Italia, in un mercato del lavoro sempre più globale e flessibile, si sta assistendo negli ultimi anni a un aumento di conflitti relazionali che, se mal gestiti, possono portare alla comparsa di episodi disfunzionali riconducibili al mobbing. La parola "mobbing", che tradotta dall`inglese "to mob" nella lingua italiana significa "assalire in massa", venne utilizzata per la prima volta dall` etologo Konrad Lorenz per indicare il comportamento di alcuni animali contro un membro del loro gruppo al fine di escluderlo.


Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86

 
 27 visitatori online
 Aggiungi ai Preferiti
Imposta HomePage
 
   Copyright © 2009 Psicologo@mico.it - WebMaster: Alfredo Anastasi