Indirizzo email:
 
PSICOMIC
Pagina Facebook
Chi è e Cosa fa
Chi è e Cosa fa
Perchè Consultarlo
Chi è e Cosa fa
Chi è e Cosa fa
La nostra idea
Cos'è Psicologo@mico
A chi è rivolto
Obiettivi
Consulenze e Formazione
I Maestri
Princípi Sistemici
Aree di intervento
Consulenza psicologica
Psicoterapia individuale
Psicoterapia di coppia
Psicoterapia familiare
Domande e Risposte
La riflessività
La curiosità terapeutica
Socio-costruzionismo
Implicazioni terapeutiche
Il processo terapeutico
Epistemologia Sistemica
Teoria e Pratica
Articoli
 
 
 
News from psicologo@mico
Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86
 I piccoli disabili di Wolgfang Fasser, musicoterapeuta non vedente

Il fiume Arno inizia da qui il suo cammino, dal Monte Falterona fino alla prima valle del Casentino, dalla montagna con i suoi boschi fitti alle colline che guardano verso le vallate intorno ad Arezzo. In questo luogo, che conserva tracce antichissime di storia e spiritualità, Wolgfang Fasser vive da circa vent’anni.


 Il «ciclo» arriva prima se si mangia troppa carne

Eccedere con il consumo di carne durante l’infanzia favorirebbe un’anticipazione della pubertà nelle ragazze. Lo suggerisce uno studio inglese pubblicato di recente sulla rivista Public Health Nutrition.


 Cancro? E il matrimonio va in pezzi: se ti ammali ci lasciamo

Una malattia grave in famiglia mette seriamente alla prova la solidità di una coppia: tante difficoltà pratiche e psicologiche finiscono per minare in modo irrecuperabile il rapporto, mandando in frantumi l’intimità sessuale e sentimentale.


 Troppa sincerità crea stress Ecco perché "fa bene" mentire

Che le bugie "bianche" siano il toccasana di tante relazioni sentimentali e della maggior parte dei rapporti di lavoro è un dato di fatto. Ma la scienza non si accontenta di queste semplificazioni e il professor Robert Feldman, docente di psicologia dell'università del Massachusetts, ha raccolto 25 anni di ricerche accademiche sulla menzogna nel saggio appena uscito "Liar: the truth about lying" (Virgin Paperbacks, 2010).


 Bastano solo due giorni e i benefici delle vacanze svaniscono per sempre

Passiamo giorni a pianificare le vacanze, spendendo anche magari un sacco di soldi per organizzarle al meglio, senza farci mancare nulla. E poi, una volta rientrati, tempo un paio di giorni di lavoro e di quotidiane incombenze e i benefici del riposo appena goduto se ne vanno via rapidi come l’abbronzatura tanto faticosamente conquistata.


 Troppo stress? Meglio lavorare che stare a casa insieme al proprio partner

Stressa di più il capo in ufficio o il partner a casa? Secondo uno studio coordinato dallo psicologo Cary Cooper della Lancaster University non ci sono dubbi: è molto più "salutare" stare al lavoro. Ma è anche vero che un'intensa vita lavorativa non aiuta ad abbassare la pressione della vita di coppia.


 Turisti disabili: non solo a «rotelle»

Tempo di vacanze, magari ridotte nella durata e nel budget, ma pur sempre vacanze. Anche per le persone disabili e per le loro famiglie. In questo periodo, in cui si parla molto di Pil e di competitività del Paese, forse vale la pena ricordare che i due milioni e mezzo di cittadini con disabilità sono altrettanti consumatori.


 Stress da lavoro per 1 italiano su 4, allarme precari e anziani

Dietro la scrivania o in fabbrica, il nemico della salute dei lavoratori è uno solo e si chiama stress. Un disturbo emergente: ne soffre 1 italiano su 4 (il 27% dei lavoratori). E il rischio di incapparvi è in crescita, con il boom del precariato e l'aumento dei dipendenti anziani. Risultato: in Italia c'è lo stress da lavoro dietro oltre la metà delle giornate di lavoro perse in un anno.


 Familiari dei pazienti in Rianimazione sempre un po' troppo ottimisti

I familiari dei pazienti in condizioni critiche spesso hanno una visione più ottimistica del dovuto delle condizioni dei loro cari, anche se il personale medico ha espresso una diagnosi molto negativa. Lo dimostra uno studio pubblicato sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.


 È un’area del cervello che ci rende coraggiosi

Non si può avere fegato senza avere cervello. Le nostre azioni più coraggiose, infatti, sembrano dipendere dall’attivazione di una particolare area cerebrale situata nella corteccia anteriore, come ha dimostrato una ricerca pubblicata sulla rivista Neuron.


Pagine: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86

 
 12 visitatori online
 Aggiungi ai Preferiti
Imposta HomePage
 
   Copyright © 2009 Psicologo@mico.it - WebMaster: Alfredo Anastasi